La sterilizzazione a vapore delle castagne

Postato il Aggiornato il

20151011_130527

Come conservare le castagne? Sì, perché di solito funghi e insetti tendono ad attaccarle, soprattutto dopo la raccolta, e a far perdere loro qualità e sanità. Per prevenire questi attacchi parassitari, la tradizione dice di immergere le castagne in acqua fresca per 5-7 giorni. In questo modo la mancanza di ossigeno elimina i microrganismi aerobi, dannosi per la castagna. Di contro, si sviluppano dei microrganismi anaerobi che favoriscono la formazione di acido lattico, utile per una maggiore conservazione.

Ma per conservare al meglio le castagne forse c’è anche un altro modo. Lo spiega una ricerca pubblicata sull’ultimo numero della rivista “Castanea”, newsletter del Centro di castanicoltura del Piemonte. In questo studio si è provato a sterilizzare le castagne non con l’acqua fresca, ma con quella calda o al vapore. Per dimostrare il successo dell’operazione anche con questo nuovo metodo, gli studiosi hanno fatto delle prove comparative tra i diversi sistemi di curatura delle castagne: tre a freddo in recipiente aperto e quattro a caldo, di cui uno a vapore perché in un recipiente chiuso. L’esperimento ha dimostrato, secondo gli studiosi, la validità di entrambi i trattamenti. Le quattro prove a caldo hanno infatti mantenuto la stessa perdita di peso di quelle trattate a freddo. Le castagne messe nel recipiente chiuso, quindi trattate a vapore, hanno addirittura avuto la minor perdita di peso.

La ricerca è arrivata alla conclusione che non c’è un metodo più giusto di un altro per la curatura delle castagne, ma che c’è un metodo migliore a seconda del contesto.

 
Bandiera Uk

Chestnuts vapor sterilization

What is the best way to conserve chestnuts? Yes, because generally fungi and insects try to attack this product, especially after the harvest, and as a consequence, they could loose their quality and health benefits. According to traditions, to prevent this phenomenon you have to submerge chestnuts in cool water for 5-7 days. In this way the lack of oxygen kills aerobic microorganisms, which otherwise may damage the chestnut.

Contrary to this fact, some anaerobic microorganism grow in it facilitating the production of lactic acid, which is beneficial for a better conservation. However, to conserve chestnuts there is possibly another way. It has been explained by a research published in the last number of “Castanea” a online magazine by the Regional Centre of Piedmont. During the study they have tried to sterilize chestnut in warm water or with vapor rather than in cool water. To prove the success of this new procedure, scholars did some comparative tests among the different systems that allow to conserve chestnuts. Three in a cold bath (hydrotherapy) and three in a warm bath (termo-hydrotherapy) and 1 in vapor. The experiment has shown the validity of both the treatments. In fact, the four warm tests have seen chestnuts mantein the same loss of weight as the chestnuts tested in the cool water. Furthermore the chestnut put in the vapor had the minor loss of weight.

The research reached the conclusion that among these there is not a specific right method to treat chestnuts, in other words the right method depends on the situation.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...