tartufesta

Il tartufo in mille modi: le proposte dei negozi di Sasso Marconi

Postato il Aggiornato il

gente in piazza (2)

Nei giorni della Tartufesta ci saranno moltissimi posti in cui mangiare il tartufo bianco pregiato dei Colli bolognesi. Tra questi anche i negozi di Sasso Marconi, che faranno trovare a tutti i visitatori i loro prodotti, rigorosamente a base di tartufo.

Leggi il seguito di questo post »

Street food: Piacere Sasso, Le crescentine di Biagio e Agriturismo Rio Verde

Postato il Aggiornato il

Questo slideshow richiede JavaScript.

I classici della cucina emiliana nella Piazza del gusto. Nella via dedicata allo street food della Tartufesta ci saranno anche polenta, piadine e crescentine. Non mancherà certamente l’apecar di Piacere Sasso, come sempre in giro a far assaggiare le sue specialità. Negli ultimi due weekend di ottobre ha pensato a un menù speciale: polenta con e senza tartufo per chi non vuole rinunciare a un piatto tradizionale e piada etrusca vegana per chi non mangia carne.

A vendere qualche spuntino ci saranno anche Le crescentine di Biagio, ovviamente con il loro piatto più tipico, le crescentine fritte con salumi di selvaggina. Infine, l’Agriturismo Rio Verde con i suoi piatti della cucina regionale. In occasione della Tartufesta la specialità scelta è la torta salata.

 
Bandiera Uk

Traditional dishes of the Emilian cooking in “Piazza del Gusto”, the taste square. In the street food road of Tartufesta visitors will find cornmeal mush, “piadine” and “cresentine”. Clearly won’t miss the Piaggio “Ape Car” by “Piacere Sasso”, as always going around to let people taste its special products. For the last two weekends of October they thought to a specific menu: cornmeal mush with and without truffle as a traditional dish, and vegan etruscan “piada”for those who don’t eat meat.

Selling some light meals there will be “Le crescentine di Biagio” with their most typical dish, fried “crescentine” with cured meats. In the end, “Agriturismo Rio Verde” with its regional cookery dishes. For the Tartufesta event, the specialty is the savory pie.

Crescentine e tigelle

Postato il Aggiornato il

tigelle

Con salumi o formaggi, oppure senza nessun accompagnamento. Crescentine e tigelle non possono mancare nell’elenco dei prodotti tipici del territorio. Grandi bontà per una ricetta infinitamente semplice. Bastano acqua, farina, sale, latte, lievito di birra e strutto. E una volta pronte si possono gustare in mille modi.

Se pensiamo alle tigelle ci viene in mente la loro caratteristica forma circolare. Il perché deriva dalla tradizione. Le tigelle infatti erano dei piccoli dischi di argilla, poi miscelata con una speciale terra refrattaria. Dischi usati per cuocere questo cibo, in passato consumato soprattutto dai poveri per via degli ingredienti molto facile da reperire. La preparazione delle tigelle è semplice. Una volta pronto l’impasto, veniva preso un disco d’argilla, sopra a questo veniva messa la pasta preparata. In cima a quest’ultima venivano poi poste delle foglie di castagno essiccate, quindi un altro disco e infine un ultimo impasto.

 
Bandiera Uk

With cured meats, cheeses or without condiments. Crescentine and tigelle cannot miss in the list of the typical products of the area. Delicacies made with very simple recipes: water, flour, salt, milk, fresh yeast and lard. Once these are done, can be taste in many ways.

As regards tigelle, their typical round form hails from the ancient usage. Indeed, tigelle were some little disks made of clay mixed with a special refractory soil. Disks used to cook this kind of food, that, especially in the past, was consumed by poor people because of its easy to reach ingredients. The preparation is simple: once the pastry was ready it was put on a clay disk, after that, some chestnut dried leaves were put on the top, and then finally another piece of pastry.

Un brindisi per Colline tra Bologna e Modena

Postato il Aggiornato il

Logo ok

Un viaggio partito in primavera, con i primi accenni di caldo, e arrivato a destinazione che ormai era autunno. Il viaggio sulle Colline tra Bologna e Modena ha attraversato diverse stazioni per poi arrivare a quella di Milano per visitare l’Expo. Un progetto nato dalla collaborazione tra la Strada dei Vini e dei Sapori “Città Castelli Ciliegi”, cinque Comuni (Casalecchio, Monte San Pietro, Sasso Marconi, Valsamoggia e Zola Predosa) e partner privati. Un’idea nata dal primo posto ottenuto nel bando regionale per essere presenti per qualche giorno in Piazzetta Emilia-Romagna. Quei giorni di permanenza per le Colline tra Bologna e Modena sono stati quattro, dal 5 all’8 settembre. Giornate in cui i visitatori dei padiglioni di tutto il mondo hanno potuto scoprire prodotti, paesaggi e curiosità dell’Appennino bolognese che collega le due province emiliane.

Per non perdere nessuna tappa di questo viaggio è stato anche creato un sito che ogni giorno ha raccontato le realtà delle colline emiliane. Dalle ricchezze enogastronomiche, fatte di moltissimi prodotti Igp, alle curiosità storiche e artistiche, senza dimenticare eventi e sagre che arricchiscono i Comuni dell’Appennino.

Anche il viaggio di Expo Milano 2015 sta arrivando al termine. Dopo sei mesi, il 31 ottobre finirà l’avventura dei padiglioni giunti da tutto il mondo col loro carico di tradizioni e cibi tipici. Allora, per festeggiare la buona riuscita del progetto “Colline tra Bologna e Modena” si è pensato di fare un brindisi proprio nel giorno in cui l’Expo saluterà Milano.

 
Bandiera Uk

A journey started with the first warm of spring and arrived to its destination in autumn. After crossing several stations, the travel through the Hills of Bologna and Modena arrived in Milan, to visit Expo. The proposal was born from the collaboration within Strada dei vini e dei sapori (wine and flavours’ street) “Città Castelli ciliegi”, five municipalities (Casalecchio, Monte San Pietro, Sasso Marconi, Valsamoggia and Zola Predosa) and private partners. The idea came from the first place reached in the regional announcement to be present for a few days in Piazzetta Emilia-Romagna. That was a four days stay, from 5th to 8th of September, among the hills between Bologna and Modena. Those were days during which the visitors of the stands from all over the world were able to find products, landscapes and curiosities of Bolognese Apennine connecting the two Emilian provinces.

Not to miss any of the stages, a site was created and everyday it exposed the Emilian hills situation. From wine and food abundance with so many PGI products, to historic and artistic curiosities, not forgetting events and festivals that enrich the Apennines municipalities.

Milan Expo 2015 is coming to an end, too. After six months, the 31st of October the adventure of the stands from all over the world with their typical food and tradition will be over. So, to celebrate the good outcome of the project “Colline tra Bologna e Modena” a toast was arranged in the very day Expo will greet Milan.

Zuccherotti montanari

Postato il Aggiornato il

zuccherini

Dolci, bianchi e semplici da preparare. Per cucinare gli zuccherotti montanari bastano infatti cinque ingredienti principali: uova, farina, olio, zucchero e semi di anice. Caratteristica unica di questi dolci è la forma, un doppio anello sovrapposto che ricorda le fedi scambiate dagli sposi durante il matrimonio. Tanto è vero che più di un secolo fa venivano regalati al posto dei confetti. Oggi, a distanza di moltissimi anni, questi dolci sono ancora molto apprezzati dai bolognesi e dagli emiliani in generale. La tradizione degli zuccherotti montanari comincia nei primi anni del 1900, quando erano prelibatezze legate alle nozze. Poi con il passare del tempo sono diventati anche il dolce da regalare per Cresime e Comunioni.

Si dice che le origini degli zuccherotti montanari siano da attribuire al Comune di Sasso Marconi, dove già nel lontano 1930 un forno affacciato sulla piazza del paese li produceva, insieme a raviole e ciambelle.

 
Bandiera Uk

White, sweet and easy to prepare. To cook mountain zuccherotti you need just five main ingredients: eggs, flour, oil, sugar and anise seeds. Their shape gives a unique feature to these desserts; a double ring, one on top of the other, that makes us think about wedding rings that spouses exchange at their marriage. Indeed, more than a century ago they were given as a wedding gift instead of sugared almond. Today, after so many years, these desserts are still very appreciated by the bologneses and Emilians in general. Mountain zuccherotti’s tradition date to the first years of 1900, when they were delicacies related to marriage. Then over the years they became the sweets given at confirmations and first communions.

They say that the origins of mountain zuccherotti can be attributed to the municipality of Sasso Marconi, where already in 1930 a bakery overlooking the village square produced them, along with donuts and raviole.

Street food: Uova Farina e Mattarello e Osteria dei Sani

Postato il Aggiornato il

Questo slideshow richiede JavaScript.

Pasta, tanta pasta nel menù dello street food della Piazza del gusto. I protagonisti sono i re della tavola emiliana, innanzitutto i tortellini. Ma certamente non verranno da soli. Ad accompagnarli alla Tartufesta sono pronti un po’ di condimenti con e senza tartufo. D’altronde, un laboratorio, come Uova Farina e Mattarello, che produce pasta fresca scrupolosamente a mano, non poteva che pensare a ricette simili, anche da consumare per strada. Così il 24, 25 e 31 ottobre e 1 novembre arriverà nelle vie di Sasso Marconi insieme a ravioli con fonduta di tartufo e tortellini alla panna.
Un primo piatto anche per un altro produttore sassese presente alla Tartufesta, l’Osteria dei Sani che è rimasta fedele ai suoi piatti tipici, soprattutto a base di tartufo, e ha pensato di proporre un menù speciale. Per cominciare dei tortelli di patate con o senza tartufo, poi, per chiudere in bellezza, uno sformatino di patate anche lui al tartufo.

 
Bandiera Uk

Pasta, a lot of pasta in the street food menu in “Piazza del Gusto” square. The main actors are “tortellini” the kings of the Emilian gastronomy. Clearly they are not served in a simple way: there will be many condiments to go with, with or without truffle. In fact, a kitchen laboratory such as “Uova Farina e Mattarello”, producing fresh home-made pasta, was meant to think recipes like these; even for a street food event. Therefore, on October 24, 25, 31 and on November 1, it will be in Sasso Marconi‘s streets with “ravioli” with truffle “onduta” and with cream “tortellini”. Even “Osteria dei Sani”, another producer of Sasso, will be present at “Tartufesta” with its first course, with a special menu. First of all: potatoes “tortelli” with or without truffle, then a potatoes pie also with or without truffle.

Street food: Antica Hostaria di Badolo, Lorenz Brau e Osteria di Colle Ameno

Postato il Aggiornato il

Questo slideshow richiede JavaScript.

Hamburger, fritto, birra e, per concludere, mascarpone. Tutto con o senza tartufo, tutto in Piazza dei Martiri, o meglio, nella Piazza del gusto, quest’anno invasa dallo street food. Quest’anno per la prima volta molti produttori di Sasso Marconi si sono infatti attrezzati per vendere cibo a base di tartufo da mangiare per strada. Tra questi l’Antica Hosteria di Badolo, Lorenz Brau e l’Osteria di Colle Ameno.

Ognuna ha la propria specialità. Quella dell’Osteria di Colle Ameno sono gli hamburger. Così, per la Tartufesta si sono attrezzati per portarli con una piccola variante: farli al gusto tartufo. Altro protagonista del cibo di strada è il fritto. A quello ci ha pensato l’Antica Hostaria di Badolo, che lo porterà nella Piazza con l’aggiunta del pregiato tubero protagonista della festa. Per completare il pasto c’è anche il dolce: il mascarpone, ovviamente anche lui al tartufo.

Infine, qualcosa da bere. Tra i produttori sassesi c’è anche il birrificio Lorenz Brau che non farà certamente mancare la sua birra.

 
Bandiera Uk

Hamburger, fried food, beer and also “mascarpone” with and without truffle. This year the square “Piazza dei Martiri”, which for the event is called “Piazza del Gusto”, will host some very tasteful street food. In fact, for the first time, this year, many producers of Sasso Marconi will be selling food made with truffle right in the city’s streets. Among them we have: “Antica Hostaria di Badolo”, Lorenz Brau, and “Osteria di Colle Ameno”.

Every single producer has his own speciality such as the hamburgers with truffle of the “Osteria di Colle Ameno”, fried food with the precious truffle by “Antica Hostaria di Badolo” and, in the end, to conclude the meal there will be the dessert: “mascarpone”, clearly with truffle. Finally some drink, among Sasso’s producers there is the brewery “Lorenz Brau” glad to let visitors taste its beer.

Le vie dello shopping

Postato il Aggiornato il

gente in piazza (1)

Occasione per fare un po’ di shopping per le vie di Sasso Marconi. Anche questa è la Tartufesta di Sasso Marconi. Il 24, 25 e 31 ottobre e primo novembre si potrà fare shopping nei negozi del centro, aperti per l’occasione. La Tartufesta segna anche il ritorno di “Collezionando”, i banchetti di oggettistica con il mercatino del riuso e bancarelle con opere d’arte e d’ingegno.

Nel Giardino Grimaldi, invece, “Le associazioni si presentano” con banchetti, punti ristoro, eventi e curiosità a cura delle associazioni di Sasso Marconi. A proposito di punti ristoro. Non mancheranno i mercatini a base di prodotti enogastronomici, a cominciare dal mercato tradizionale di via del Mercato con curiosità e occasioni. E poi le bancarelle con tartufo e altri prodotti del bosco e sottobosco in via Porrettana e la “Filiera corta”, a cura dei produttori e delle aziende agricole del territorio, con l’esposizione e la vendita dei prodotti tipici dell’Appennino.

 
Bandiera Uk

Shopping trip

An opportunity to go shopping through Sasso Marconi’ streets. Tartufesta is that, too. 24th, 25th of October and the 1st of November you will be able to go shopping in the stores of the centre, which will remain open for the occasion. Tartufesta marks the return of “Collezionando” (“Collecting”), the stalls with its various objects and with its reuse local market and the stands with art and genius pieces.

While, in Grimaldi’s Garden, “Le associazioni si presentano” (“Associations introduce themselves”) with booths, food courts, events and curiosities curated by Sasso Marconi associations. Speaking about refreshment stands, there will be the street markets with wine and food products, starting with Market street’s traditional market with its curiosities and special deals. What is more, truffle stands and other woods and undergrowth products in Porrettana street and the “Filiera Corta”, curated by the local producers and farms, and the exhibition and sale of the Apennines’ typical products.

Non solo cibo, alla Tartufesta anche arte, lettura e divertimento

Postato il Aggiornato il

È vero, alla Tartufesta di Sasso Marconi non manca il cibo, ma i prodotti tipici locali non saranno gli unici protagonisti dell’evento dedicato al tartufo bianco pregiato dei Colli bolognesi. Accanto a stand e bancarelle ci sono anche iniziative culturali e artistiche. A cominciare da ”Sasso Marconi nel mondo”, la mostra della pittrice Jvonne Paganelli, ospitata nella sala mostre “Renaro Giorgi” con ingresso libero dalle 16 alle 19 nei due weekend della festa. Dall’arte alla lettura. In occasione dell’edizione 2015 della Tartufesta, la biblioteca comunale di Sasso Marconi ha infatti pensato di proporre un po’ di libri dedicati al tartufo, ai prodotti del bosco e sottobosco, alla storia locale, alle emergenze naturalistiche, alla gastronomia locale e ai prodotti tipici. Insomma, tanti libri a tema disponibili per il prestito o la consultazione nella biblioteca di Sasso.

colle_ameno04

Nella penultima giornata della Tartufesta, invece, è in programma la presentazione del “Primo fascicolo per l’infanzia e l’adolescenza sulla storia di Colle Ameno”, un progetto editoriale con testi di Francesca Pellegrini e illustrazioni di Benedetta Nigelli. L’evento fa parte delle iniziative collegate al progetto “Borgo di Colle Ameno: radici di un futuro”, presentato dal “Gruppo 25 aprile” di Sasso Marconi e vincitore del bando “Giovani per il territorio”, finalizzato alla valorizzazione di un bene culturale di proprietà pubblica da parte di un’associazione prevalentemente composta da giovani. Appuntamento il 31 ottobre alle 9.30 nel Salone delle Decorazioni nel Borgo di Colle Ameno“. Ma non è finita qua. Quest’anno alla Tartufesta di Sasso Marconi arriva anche un po’ di Sardegna con le caratteristiche maschere sarde che sfileranno per la città. Infine spazio ai bambini con i giochi e le giostre dei fratelli Pollice.

 
Bandiera Uk

It’s true that at “Tartufesta” in Sasso Marconi is not missing food, but it’s not just local products. Besides stands and stalls, the event, which is dedicated to the “Fine White Truffle of the Bolognese Hills”, will host also some cultural and artistic events. First of all is “Sasso Marconi nel Mondo” with the exhibition of the painter Jvonne Paganelli, hosted in the “Renato Giorgi” showroom, with free entry from 4 PM to 7 PM during the two weekends of the truffle Festival. However, we pass from art to literature in the occasion of the 2015 “Tartufesta” edition. In fact, the Sasso Marconi’s city library has decided to make available some books talking about truffle or the undergrowth products, the local history, naturalistic emergency, local food or typical product history. Therefore, there will be many thematic books available in Sasso’s library for loan or consultation.

Insted, in the last day of the “Tartufesta”, will be presented “Primo fascicolo per l’infanzia e l’adolescenza sulla storia di Colle Ameno”: an editorial project by the writer Francesca Pellegrini and the illustrator Benedetta Nigelli. The event is part of the initiative linked to the project “Borgo di Colle Ameno: radici di un futuro”, presented by “Gruppo 25 Aprile” and it is the winner of the competition announcement “Giovani per il territorio”, which is designed to allow an association composed of young people to value a public cultural heritage. The appointment is on October 31 at 9.30 AM in the “Salone delle Decorazioni nel Borgo di Colle Ameno”. Moreover, this year at Sasso Marconi “Tartufesta” there will be also a “taste” of Sardinia with the typical Sardinian masks marching around the streets. In the end, to give children some space, there will be also play games and the carousel by “Fratelli Pollice”.

Tartufesta sfiziosa

Postato il Aggiornato il

tartufesta Sasso Marconi (1)

Una Tartufesta sfiziosa, quella di Sasso Marconi. Sicuramente per tutti i palati. Per due weekend di fila il cibo di ogni tipo arriva in città, conquistando le vie principali. Ovviamente non mancherà il tartufo bianco pregiato dei Colli bolognesi, ma non sarà di certo l’unico protagonista. Ad accompagnarlo il 24, 25 e 31 ottobre e il primo novembre saranno anche molti prodotti tipici dell’Appennino. Tra questi i formaggi della Zangola, le crescentine dell’Antico Mondo Contadino e Mieti e Trebbia, i borlenghi e, per chiudere in bellezza, i vini delle cantine marconiane che porteranno i più famosi vini locali come Pignoletto fermo e frizzante, Barbera, Chardonnay e tanti altri.

Ultimi, ma non per importanza, i tartumenu dei ristoranti presenti per le strade di Sasso Marconi, anche loro a base di tartufo. Dalla polenta di Piacere, Sasso al mascarpone dell’Antica Hostaria di Badolo, passando per l’hamburger dell’Osteria Colle Ameno e i ravioli con fonduta di tartufo di Uova, Farina e Mattarello. E poi le crescentine di Biagio, le torte salate dell’Agriturismo Rio Verde e il tortino di patate con porcini e tartufo dell’Osteria Sani.

 
Bandiera Uk

A thousand taste sensations in Sasso Marconi‘s “Tartufesta”. For two weekends a large variety of food will be in the city, right in the main streets. Clearly won’t miss the “Fine White Truffle of The Bolognese Hills”, even if it is not the only product of the event. With it, on October 24, 25, 31 and on November 1 there will also be a great number of typical products of the Hills. Among these products there are Zangola’s cheeses, Antico Mondo Contadino and Mieti Trebbia’s crescentine, borlenghi, and to end in a very good way: Marconiane cellars’ wines, such as still or sparkling Pignoletto, Barbera, Chardonnay and others more.

Last but not the least are the “tartumenù” of the restaurants on the streets of Sasso Marconi. From Piacere Sasso‘s cornmeal mush, to Antica Hostaria di Badolo‘s mascarpone, from Osteria Colle Ameno‘s hamburger, to Uova, Farina e Mattarello‘s ravioli with truffle “fonduta”. And finally Biagio’s crescentine, Agriturismo Rio Verde‘s savoury pies and Osteria Sani’s savoury potatoes pie with truffle and porcini.